Giulia Hotel | Lido di Camaiore | I TUOI BAMBINI IN VACANZA SONO IRREQUIETI ?
L’hotel Giulia è un albergo a tre stelle in Versilia, nato nel 1952 e da sempre gestito dai proprietari. Ben quattro generazioni che affiancate da numerosi collaboratori lavorano per far sentire gli Ospiti come a casa loro, accolti e coccolati! Un tre stelle fuori dall’ordinario, dove professionalità, cura e calore raccontano una storia diversa da tutte le altre.
Giulia Hotel, Hotel Lido di Camaiore, Hotel Versilia, Lido di Camaiore, Albergo Lido di Camaiore, Camere Lido di Camaiore, Albergo Versilia
1665
post-template-default,single,single-post,postid-1665,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

I TUOI BAMBINI IN VACANZA SONO IRREQUIETI ?

Già. Ma quando si scaricano le pile dei figli?

Quando sono stanchi e appagati.

E sai il segreto qual è? Il segreto è variare lo scenario del gioco!

Si sa, l’estate è scoppiata alla grande e le spiagge versiliesi sono adattissime ai bambini. Talmente adatte che starebbero lì tutto il giorno tra bagni in mare, giochi in acqua, scuole di nuoto ed anche di surf.

Tutto ciò è bellissimo ma ci vuole uno stacco.

La nostra fortuna è avere a due passi quel meraviglioso polmone verde che è la pineta di ponente.
Ed io, su richiesta di alcune famiglie ho ripercorso, in bici ovviamente, l’itinerario che facevo da bambina.
Ecco l’itinerario che ti consiglio di percorrere:

Sempre come punto di partenza la ciclabile davanti all’hotel Giulia, in cinque minuti il tratto di pista fino all’altezza di piazza M.Luisa, a Viareggio. Svoltando verso monti, entri in pineta, dove tu e i tuoi figli potrete camminare, correre, andare in bici, a cavallo, pattinare o sedervi su una panchina a godersi lo spettacolo della natura.
Ma la caratteristica di questa pineta è….il grillo! Il grillo è una sorta di risciò , con il quale i bimbi possono scorrazzare in lungo e largo all’ombra dei pini. Inutile dire che ne vanno pazzi, anche perchè, proprio come succedeva a me da piccola, la tappa del dopo-grillo era ed è ancora oggi, il mitico bombolone del Gatto Nero, un barino diventato famoso oltre che per la grandezza dei suoi bomboloni per il modo con il quale essi vengono erogati.

L’attrezzo si chiama “Pippo”: una specie di astronave rossa che carica le delizie appena fritte e le scarica a pioggia in un mare di zucchero sotto gli occhi sbalorditi dei bambini in attesa, col naso all’insù. “ Se stai bona oggi si va da Pippo col grillo!” , questa la frase che la nonna spesso mi ripeteva.

Quanti ricordi! La cosa bella è che, ancora oggi tra piccole e grandi tecnologie che rendono sempre più impegnati i bambini, Pippo e il Grillo, sono un po’ come Babbo Natale e la Befana. Non ce li ruberà nessuno!

No Comments

Post A Comment

Show Buttons
Hide Buttons